Come utilizzare l’analisi e-mail per migliorare le tue campagne

Come utilizzare l’analisi e-mail per migliorare le tue campagne

[ad_1]
Traccia, analizza, testa, migliora

Guida rapida all’analisi e-mail

Ecco cosa tratterò in questo articolo:

      • Cosa sono le analisi e-mail?
      • Come comprendere le principali metriche di email marketing.
        • Che cos’è un buon tasso di apertura dell’email?
        • Utilizza gli inviti all’azione per migliorare la percentuale di clic.
        • Mantieni i tuoi contenuti avvincenti.
        • Quanti dati sono sufficienti per raccogliere ciò che deve essere modificato?
      • Strumenti di analisi della posta elettronica
        • Come utilizzare Google Analytics per il monitoraggio delle email.
        • Analisi integrata nei programmi di email marketing.
      • Takeaway e passaggi successivi.

Spargerò anche alcuni suggerimenti per ottenere il massimo dall’analisi delle email. Immergiamoci.

Il grafico di e-mail marketing illustra l'utilizzo dell'analisi e-mail

Cosa sono le analisi e-mail?

L’analisi e-mail viene utilizzata per indicare come si comportano i tuoi iscritti alla newsletter quando aprono e leggono la tua e-mail. Le principali metriche di email marketing includono si apre, click, unsubscribes e rimbalzi.

  • Si apre: Questo è quando l’abbonato visualizza la tua newsletter via email.
  • clic: Questo viene misurato quando l’utente fa clic su un collegamento all’interno della newsletter.
  • unsubscribes: Questo è quando il contatto email nel tuo elenco decide che la tua newsletter non è per loro e annulla l’iscrizione.
  • Rimbalzo: In questo caso viene inviata una e-mail da un abbonato. La loro email potrebbe essere inattiva o, in alcuni casi, eliminata.
Se non stai prestando attenzione a nessuna di queste statistiche per la tua newsletter, stai perdendo ciò che vogliono i tuoi abbonati email.

Fondamentalmente, stai parlando con il muro.

L’analisi e-mail può anche aiutarti a mantenere sano il tuo elenco. Di tanto in tanto, è necessario utilizzare queste statistiche per eliminare l’elenco degli abbonati.

Sì, a volte devi rimuovere gli abbonati che non stanno facendo nulla nel tuo elenco.

Torna in cima

Come comprendere le principali metriche di email marketing (e inserirle nel contesto)

Di tutte le tue metriche, la tua tasso di apertura e-mail è la statistica assolutamente più importante di tutte, in quanto è la percentuale effettiva di persone che hanno aperto e visualizzato la tua newsletter.

Per calcolarlo, dividi il numero di aperture per il numero di e-mail inviate e quindi sottrai il numero di rimbalzi.

Se hai un fornitore di servizi di email marketing, non devi fare i calcoli, di solito li calcolano per te.

Che cos’è un buon tasso di apertura dell’email?

Eccone alcuni tassi di apertura medi della posta elettronica per settore:

  • Arte e intrattenimento: 47%
  • Affari e industria: 41%
  • Design e sviluppo: 39%
  • Marketing e pubblicità: 25%
  • Non profit: 28%
  • Formazione professionale e coaching: 36%
  • Shopping: 41%

Oltre alla percentuale di apertura della posta elettronica, devi sapere se qualcuno sta facendo clic sui collegamenti ai tuoi contenuti.

Perché? Bene, se non stanno facendo clic sul collegamento, allora è come fare shopping in vetrina.

L’hanno visto, ma non erano interessati a fare clic di seguito per saperne di più o per acquistare ciò che vuoi che vedano.

Chiedere come migliorare il tuo tasso di apertura è la domanda sbagliata

Aspettare? Che cosa? Sì, chiedere come migliorare il tasso di apertura della posta elettronica non è la domanda giusta. È troppo generale, e francamente, se vai in questa direzione, stai solo lanciando freccette dappertutto e perdendo il bersaglio.

La domanda giusta è cosa induce in particolare le persone ad aprire l’e-mail?

Certo, potresti fare cose come modificare i tuoi argomenti, creare un elenco di e-mail più accattivante, cercare il momento migliore per inviare la tua newsletter e-mail, giocherellare con la lunghezza dei contenuti o vedere se è necessario modificare la frequenza con cui invii le tue newsletter.

Potresti convincere migliaia di persone ad aprire un’e-mail, ma non importa se non lo capisci perché lo stanno facendo. Attenersi a ciò che funziona e continuare fino ad aumentare i clic.

Abbi pazienza. Costruire e mantenere un elenco salutare, specialmente con un ottimo tasso di apertura della posta elettronica, richiede tempo.

Utilizza gli inviti all’azione per migliorare la percentuale di clic

La percentuale di clic è la percentuale di persone che hanno effettivamente fatto clic su un collegamento nella newsletter e-mail per accedere a un sito Web.

Viene calcolato dividendo i clic univoci per il numero di email erogato e moltiplicandolo per 100.

Ancora una volta, la maggior parte dei provider di posta elettronica calcolerà questo numero per te.

Sebbene la percentuale di apertura delle e-mail sia estremamente importante, una volta che le persone visualizzano la tua newsletter, vuoi che facciano qualcosa.

Ricorda, il ritorno sull’investimento è il gioco e ogni clic significa che non hai solo ottenuto le persone per visualizzare la tua newsletter, ma hanno effettivamente fatto qualcosa.

Il trucco di una percentuale di clic potenzialmente elevata è assicurarsi che la tua campagna di newsletter abbia un obiettivo.

Per esempio:

  • Vuoi che i tuoi abbonati acquistino qualcosa?
  • Vuoi che condividano un articolo?
  • Vuoi che ti contattino?

Cosa vuoi che facciano fare? Tale obiettivo è quello a cui collegherai la tua email ai tuoi iscritti. Questo è il tuo invito all’azione (CTA).

Una volta stabilito il tuo obiettivo, devi trovare un posto dove mettere il tuo invito all’azione. Quel CTA potrebbe essere un semplice link o un’immagine cliccabile.

Assicurati che l’immagine e qualsiasi testo di invito all’azione siano allettanti.

Colore, audacia e dimensioni contano.

Provali uno per uno per vedere cosa funziona meglio ogni volta che invii un’email. Non apportare tutte queste modifiche in una volta sola o non capirai mai cosa funziona realmente.

Mantieni i tuoi contenuti accattivanti e senza TL; DR – troppo a lungo; non ho letto

Le persone hanno un durata media dell’attenzione di 8,25 secondi, quindi cerca di non trasformare la tua newsletter in un romanzo. Puoi usare cose come i sottotitoli per spezzare la copia e mantenere impegnati i tuoi abbonati.

Correlati: Come scrivere un’e-mail che le persone leggeranno effettivamente

Quanti dati sono sufficienti per raccogliere ciò che deve essere modificato?

Questo numero dipende dalla grandezza della tua lista.

Se non conosci l’email marketing, potresti dover raccogliere dati per un mese prima di determinare cosa deve essere modificato.

Man mano che guadagni più abbonati, è più facile raccogliere dati e determinare da un’e-mail all’altra se è necessario modificare l’oggetto o il titolo dell’email o riorganizzare l’invito all’azione.

È importante essere pazienti quando si raccolgono dati in modo da poter determinare se esiste effettivamente una tendenza nel comportamento degli iscritti alla lista.

Tuttavia, se hai bisogno di un numero ora, un aumento dall’1% al 3% dei numeri potrebbe aiutarti a determinare in anticipo se stai andando bene. Tutto ciò che è sotto non è davvero un grande cambiamento.

Detto questo, fai attenzione! Non dare per scontato che funzioni solo una cosa.

Test. Test. Test.

Potresti avere immagini fantastiche o i tuoi inviti all’azione sono puntuali, ma non dare per scontato che solo una cosa sia il biglietto per una migliore percentuale di clic.

Correlati: best practice durante la creazione di una newsletter

Torna in cima

Strumenti di analisi della posta elettronica per tenere traccia dei progressi del tuo marketing via email

Esistono molti strumenti di analisi della posta elettronica per tenere traccia del rendimento del tuo elenco.

Molti fornitori di newsletter via e-mail includono analisi e-mail e software di terze parti è disponibile per questo scopo.

Due strumenti popolari sono Google Analytics e strumenti di analisi della posta elettronica integrati nei programmi di email marketing come AzHost Email Marketing.

Come utilizzare Google Analytics per il monitoraggio delle email

Google Analytics è uno strumento gratuito e affidabile. Onestamente, anche se il tuo provider di newsletter via email offre il suo strumento di analisi, dovresti comunque utilizzare Google Analytics.

Oltre a monitorare il modo in cui i visitatori utilizzano il tuo sito Web, Google Analytics può fornire preziose informazioni sull’interazione degli abbonati con le tue e-mail.

Il modo migliore per farlo è impostare obiettivi in ​​Google Analytics. Ecco come.

1. Iscriviti per un account gratuito con Google Analytics

Se hai già un account Google, puoi semplicemente andare su Home page di Google Marketing Platform e fai clic sul pulsante blu per iniziare a utilizzare Google Analytics gratuitamente.

Pagina di destinazione Google Analytics per email

Se hai più siti Web, ti consigliamo di impostare un account per ciascuno.

2. Aggiungi Google Analytics al tuo sito web

Nella maggior parte dei casi, potrebbe essere necessario solo il codice fornito da Google Analytics. Lo aggiungi da qualche parte nell’intestazione del tuo sito, tra il e Tag HTML. Se lo rende più semplice, aggiungilo subito prima di etichetta.

Se disponi di WordPress, puoi utilizzare un plug-in come MonsterInsights per configurare Google Analytics con WordPress. Ecco un articolo che include una guida dettagliata su come impostare Google Analytics per WordPress.

Dopo aver aggiunto il codice al tuo sito, Google Analytics inizia a monitorare tutto il comportamento del traffico sul tuo sito.

3. Crea un obiettivo

Email Analytics Crea obiettivo

Un obiettivo è quale azione desideri che le persone eseguano effettivamente.

In Google Analytics, puoi monitorare per vedere se le persone stanno effettivamente facendo quello che vuoi che facciano, se si tratta di acquistare qualcosa, iscriversi a qualcosa, fare clic su un collegamento per andare su un’altra o più pagine.

Sicuramente vuoi creare un obiettivo per le tue pagine di ringraziamento, sia che si tratti di un acquisto o di un nuovo abbonato alla lista email.

A proposito, questo può essere impostato all’interno della piattaforma di email marketing di AzHost .

Una volta abilitato Google Analytics, il tuo provider di email marketing ti consente di assegnare un nome specifico per campagna in modo che sia facile da trovare in Google Analytics, tra tutti gli altri dati che ricevi. Puoi anche dire loro di tenere traccia di clic, aperture, collegamenti e-commerce e altro ancora.

Abbastanza elegante, vero?

4. Monitoraggio delle attività di creazione di elenchi

Se ti stai chiedendo perché questo è diverso dalla visualizzazione dei tuoi numeri di attivazione giornaliera all’interno di AzHost Email Marketing, la differenza è che puoi visualizzare alcune informazioni specifiche in Google Analytics.

Ad esempio, puoi vedere da quali siti web provengono le persone prima di unirsi al tuo elenco.

  • Erano referral?
  • Sono venuti dai motori di ricerca?
  • Ti hanno trovato attraverso qualche altro sito?

Inoltre, puoi vedere se i social network, come Facebook o Twitter, ti stanno inviando molto traffico. Puoi anche confrontare per vedere quale social network o canale del sito web sta attirando più abbonati.

Altre statistiche disponibili tramite Google Analytics sono il tempo che le persone trascorrono sul tuo sito e se hanno abbandonato il tuo modulo (nel caso in cui tu avessi un modulo impostato in cui hai anche chiesto se il visitatore voleva iscriversi alla tua newsletter) o carrello della spesa.

Mancia: Prova a installare il software popup o se utilizzi WordPress, un plug-in popup, per attirare gli iscritti al tuo elenco.

Popup Ally e OptinMonster sono plugin pop-up piuttosto potenti con molte funzionalità. Ti consentono persino di testare i tuoi opt-in (noti anche come test di conversione A / B o split test) in modo da poter offrire il miglior opt-in ai tuoi visitatori.

Correlati: migliori pratiche per gli opt-in di posta elettronica

5. Fai di più di ciò che funziona e meno del resto

Email Analytics Raccolta dati

Dopo aver impostato Google Analytics con il tuo sito Web e le tue campagne di newsletter e aver iniziato a raccogliere dati, puoi iniziare a vedere cosa funziona e cosa no.

Concentrati sulle strategie che stanno guidando le iscrizioni, le aperture e i clic delle e-mail.

Personalizza i contenuti della tua newsletter via e-mail per continuare ad attirare persone dai canali che funzionano davvero.

Ad esempio, se ti piace usare Facebook ogni giorno e solo poche persone si iscrivono alla tua pagina aziendale, probabilmente non è un’impresa degna di perseguire a lungo.

Correlati: come utilizzare Google Analytics

Torna in cima

Analisi e-mail integrata nei programmi di e-mail marketing

Molti programmi di e-mail marketing di terze parti hanno le proprie analisi integrate. Puoi persino integrare Google Analytics, che è un potente compagno.

Spesso la dashboard di analisi e-mail per questi programmi di e-mail marketing ti mostrerà alcune statistiche che analizzeranno la provenienza dei tuoi abbonati, i link principali cliccati nella newsletter, il numero di tweet di Twitter, il numero di Facebook e altro ancora.

AzHost Email Marketing è un servizio che ti consente non solo di mantenere un elenco di newsletter e-mail, ma anche di creare bellissime newsletter e tenere traccia del tuo comportamento e-mail.

A parte questo, AzHost può aiutarti con le pagine di Facebook, la scheda di Google My Business e molto altro.

È un po ‘come avere un intero toolbox di marketing in un unico posto.

AzHost Email Marketing genera automaticamente il monitoraggio dei collegamenti in modo da poter vedere esattamente come le tue campagne e-mail funzionano insieme al tuo sito web. Puoi vedere quanti dei tuoi contatti hanno fatto clic sul tuo sito web grazie al monitoraggio.

Utilizzando Google Analytics, puoi vedere per quanto tempo sono rimasti, cosa hanno cliccato, quali pagine hanno letto e da dove sono andati.

Ecco come iniziare con il componente aggiuntivo di Google Analytics per AzHost Email Marketing.

Torna in cima

Takeaway e passaggi successivi

Accidenti! Era molto da prendere, vero? Bene, ecco alcuni takeaway:

  • Per tenere traccia dei progressi della tua lista email, dovrai sapere come utilizzare l’analisi dei dati email.
  • Ci vorrà molta pazienza in quanto è necessario raccogliere dati sufficienti per prendere una decisione consapevole sul fatto che qualcosa funzioni bene o se qualcosa deve essere cambiato.
  • Dopo aver apportato piccole modifiche, provalo sempre.
  • Usa gli obiettivi di Google Analytics per tracciare la provenienza delle persone quando si iscrivono alla tua newsletter e se il tuo programma di email marketing ha l’integrazione di Google Analytics, approfittane.
  • Guarda in modo intelligente le tue analisi e-mail per determinare quali canali sono giusti per te e concentrati su quelli.

Possano aumentare i tassi di apertura e i tassi di click-through!

[ad_2]

Post Your Comment

Soluzioni Gestite

Lascia che Ci Prendiamo Cura del Tuo Successo Online

Copyright ©2024 AzHost All Rights Reserved